martedì 8 febbraio 2011

Intervista a Carla Gozzi. Cronaca di una giornata "qualunque"

ph.Roberta Ungaro

Ciao a tutti cari lettori, scusate se in questi giorni sono stato un po' assente, ma dovete sapere che nella mia vita stanno accadendo tante di quelle cose che gestirle tutte è un po' faticoso. Sono felice comunque del fatto che finalmente qualcosa si stia muovendo e che la mia "carriera" stia prendendo una strada che mi piace molto. In poche parole : lo sprofondamento delle mie occhiaie si dimostra direttamente proporzionale alla contentezza che provo.
Eccomi qui a raccontarvi una delle tante esperienze in cui sono stato coinvolto grazie al progetto che stiamo portando avanti in NABA con fashion display: l'intervista a Carla Gozzi. La mitica Carlà di "Ma come ti vesti?", una vera e propria icona emergente di stile e sofisticatezza. Emergente nel senso che siamo riusciti a beccarla in quella fase di transazione che la porterà a diventare una tipica icona gay (anche se per molti lo è già).

Comunque intervista fissata per sabato 5 febbraio alle 18.30 in un hotel zona navigli. Domande pronte. Look pronto (non sia mai di rischiare di sentirsi dire un "ma come ti vesti?" dalla Carla). Strumenti pronti. Si parte.
Il pomeriggio di sabato inizia con lo svuotamento dell'armadio alla ricerca dell'outfit perfetto col supporto della Vale. Ovviamente non va bene nulla. Non tanto per il look, ma per la taglia. Purtroppo essere passato da 75 a 85 kg in un anno, senza mai aver fatto shopping ulteriore, non giova alla scelta di vestiti adatti a situazioni così importanti. per fortuna che col mio metro e novanta riesco ancora a mascherare bene la fase di gonfiamento. Comunque dopo una serie di prove e di scarti riesco a raggiungere l'outfit adatto. Pantalone beige (estivo, quindi rendetevi conto del freddo che ho mangiato), maglietta pepe jeans che fa sempre un po' londra, gilet di jeans prestato e mai più riconsegnato dall'armadio di un amico e giacca di velluto nera stile dolce gabbana, anche questa prestata da un amico (lo stesso del gilet...del quale però non si ricorda).
Bellissimo il modo in cui ti segna un pantalone con venti pinces. Grazie Roberta Ungaro

Una volta definito il vestito si parte. Lascio casa mia a Piola in compagnia della Vale, diretti verso casa della Roby, la fotografa, con in un borsa una boccia di aperol avanzata da capodanno e una mezza boccia di chardonnay. Il tutto in previsione di un aperitivo fast pre-intervista per smorzare un po' la tensione.
Arriviamo a casa della Roby alle 5.15 (ricordo l'appuntamento fissato alle 6.15) e via di aperitivo.
Passata la fase ape e la fase commento outfit della Roby, che per la giornata aveva optato per una sobrisssssima camicia di seta nera trasparente (praticamente aveva le tette al vento), si parte in direzione hotel.
Prendiamo la metro, prendiamo il nostro autobus, scendiamo alla fermata giusta e ci incamminiamo verso l'hotel, sono le 6, quindi siamo in perfetto orario. E invece no. E' a quel punto che la marti, la videomaker, ci chiama per informarci del fatto che la Carla era già entrata e che nel giro di dieci minuti sarebbe scesa. Cazzo!
E' li che inizia la mega corsa all'hotel, che ovviamente contribuisce in maniera enorme a buttare nel cesso le ore di studio e preparazione outfit.
Arriviamo all'hotel, i gentilissimi ragazzi della reception (eh si ragazzi davvero...erano più giovani di me) ci dicono che possiamo metterci dove vogliamo per le riprese, ci accendono/spengono le luci per provare, ci abbassano il volume della tv con l'odioso rtl 102.5 channel in onda.
Ed eccola arrivare. Figa, cioè davvero figa, non nel senso di cubista del billionare, ma nel senso di figa che ti fa dire WOW, di figa che veste stile MIU MIU, di figa che non senti nemmeno i suoi passi mentre cammina, di figa che ti paraflescia col suo capello perfetto biondo platino, di figa che ti sorride e ti senti un deficiente. Di figa e punto.
ph.Roberta Ungaro
Mi presento, mi prendo qualche minuto per illustrarle una attimo il file di presentazione del progetto, mi dico "Belotti : smettila di ridere come un deficiente ad ogni cosa che dice", e le chiedo di accomodarsi sul divano che avevamo scelto per la ripresa.
Ed è a questo punto che se ne esce con "Ma ragazzi, non trovate che questa luce diretta sula mia testa sia un po' inadeguata?". Merda! Lo sapevo, qualcosa che non andava doveva esserci, mi sono detto "Belotti: lavora tutti i giorni in tv, è ovvio che sa meglio di noi come si svolgono le cose. Faremo una figura di merda !"
Corro subito alla reception dove l'assistente del tipo di prima (una che sembrava davvero una cubista del billionare) mi sistema le luci.
Bene sembra tutto pronto. Si parte. La Sofi parte a fare le domande. La vedo preoccupata. Vedo Carla che sembra che non la ascolti e mi ridico "Faremo una figura di merda".
Sofia "l'intervistatrice" Labadini. ph Roberta Ungaro

Fortunatamente, la mia inesperienza in queste cose non mi aveva portato a considerare l'importanza e la sofisticatezza del personaggio con cui avevo a che fare. Ed proprio nel momento in cui Sofi finisce la domanda,  Carla alza la testa, tira fuori un sorriso charmant ed inizia a raccontarci di lei.
ph. Roberta Ungaro

Ed è stato un successo. Una roba del tipo che io continuavo a sorridere come un deficiente, senza riuscire a toglierle gli occhi di dosso. Sembrava una divinità scesa in terra che ci graziava della sua grazie e della sua esperienza. Una roba dell'altro mondo. Vi giuro.
ph.Roberta Ungaro

Finita l'intervista, durata circa dieci minuti, mi ricompongo e riprendo in mano la situazione per gestire la fase finale. I saluti.
ph.Roberta Ungaro

Accompagno Carla ad un tavolo della hall per darle delle ultime indicazioni sul progetto e mi appresto a ringraziarla con una selezione di fine cioccolateria presa in una delle migliori cicoccolaterie di Bergamo .
Ed è li che mi dice: "Ma noi della moda non mangiamo cioccolato...."
ph.Roberta Ungaro

Merda. Vado in blocco. Una settimana per valutare cosa portarle come pensiero di ringraziamento (una bottiglia di vino? dei fiori? ) e per dirmi "ma si...i cioccolatini pettinati faranno sicuramente bella figura". Sei uno scemo Belotti. Lo sapevi che era rischioso. Lo sapevi che, anche se pettinati, sono pur sempre cioccolatini che rovinano la linea.
Ed è stato subito dopo questo secondo di smarrimento e di DOH! interiore che continua dicendomi "....ma no sto scherzando....ah ma questi con le praline sono i miei preferiti! "
Ti è andata di culo Belotti. Ti è andata di culo.
ph.Roberta Ungaro

La saluto. La vedo sparire in ascensore ed esco da questa fase onirica in cui pensavo di essermi ritrovato magicamente.
Un'esperienza totalmente nuova, totalmente formativa e totalmente esaltante. Lei totalmente unica. Una personalità contemporanea, ma con quello charme e quell'eleganza d'altri tempi. Un'umana con le sembianze di una dèa. Un'esperienza unica ed irripetibile.
Devo quindi ringraziare immensamente Carla per la sua disponibilità e per l'entusiasmo dimostrato nei confronti del nostro progetto.
E devo ringraziare ovviamente tutti quelli che hanno partecipato con me a questa esperienza. Sofia, Roberta, Valeria, Martina e Alessia. Il risvolto ridicolo è che per tutta la sera ho rotto le palle alla roby sul fatto che volevo una bella foto con Carla. In realtà il sottoscritto si è rivelato l'unico ad essere stato effettivamente fotografato con lei.

Bye LB

20 commenti:

  1. Bene , adesso manca che ci illumini anche a noi sul progetto. NO???
    Poi aspetto il link quando pubblichi l'intervista.

    RispondiElimina
  2. per ora i particolari sono ancora top secret :-)
    scherzo appena avremo ben definito tutto non mancherò di informarti...
    LB

    RispondiElimina
  3. Un ringrziamento particolare ai complimenti sulle poppe della fotografa :)

    RispondiElimina
  4. scritto proprio bene! complimenti!

    RispondiElimina
  5. Qualcosa nella tua CARRIERA (la mancanza di virgolette e il maiuscolo non sono causali ma intenzionali) si sta muovendo e il merito è solo TUO!!! E ora chi ti ferma più?! Complimenti davvero!!

    RispondiElimina
  6. Bel blog davvero. Ti seguo con piacere. Grazie per la visita. =)

    Sprichstdufashion.blogspot.com

    Domenico.

    RispondiElimina
  7. ma proprio figa eh!!:)grazie del commento e del complimento,certo ti seguo e mi farebbe piacere lo facessi anche tu!poi abbiamo le stesse passioni/mire!e Carla è un mito...ti invidio tantissimooo:)vorrà dire che io intervisterò Enzo!
    a presto bacioo

    patchworkporter.blogspot.com

    RispondiElimina
  8. Your blog is fantastic!
    I would like, if you'd be a follower of my blog!
    Thank you very much!

    www.itsbellatime.blogspot.com

    RispondiElimina
  9. wow, bel pezzo e belle immagini. ma il tuo blog è tutto molto interessante.
    grazie del tuo commento sul mio blog, ti seguo con molto piacere e spero potrai fare lo stesso anche te.
    grazie, v

    http://v4visionarity.blogspot.com

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. ciao luca! thanks for your nice comment on my latest post. i really like your blog although i'm just currently expanding my italian in order to understand a bit more about what you're writing without using google translate) ;). i like the mixture of streetstyle, high fashion & introduction of new labels .. it's the overall impression of your blog, which convinces me to become a new follower!
    i'd be more than glad to have you as one of my new followers of my blog as well :)
    xxx all the best!
    anna

    http://pulcinellata.blogspot.com/

    RispondiElimina
  12. @ ATW ...yeah...it's always the best way to convince someone. :)
    Bye LB

    RispondiElimina
  13. Wow, bel post! Lettura scorrevole, coinvolgente e divertente! E' stato un piacere scoprire il tuo blog :)

    A presto, Gemma

    RispondiElimina
  14. grazie per avermi fatto visita..divento tua follow!!

    RispondiElimina
  15. Troppo carina la Carlà, l'ho conosciuta anche io! Una persona squisita. Grazie del commento sul mio blog!Molto interessante anche il tuo, perciò ricambio subito il follow!

    RispondiElimina
  16. Ahahah! Che bel post! Un po' troppo venerata questa Carla, ma devo riconoscere che sembra davvero carina. Congratulazioni, dev'essere stata una bella esperienza.

    PS Dove hai comprato i cioccolatini? Io sono di Bergamo, quindi farò sicuramente un salto a comprare le praline... Forse in via S. Alessandro? ;)

    www.thebigiofactor.blogspot.com

    RispondiElimina
  17. @bigio...in realtà li ho presi a torre boldone...allo scrigno...me li ha consigliati un mio amico che si occupa di recensire ristoranti.
    Me l'ha consigliata come una delle migliori in zona.
    LB

    RispondiElimina
  18. awesome post xox

    http://combo-monster.blogspot.com/

    RispondiElimina
  19. hai conquistato una follower in più e non solo grazie alla bellissima intervista, il tuo blog è fantastico davvero complimenti
    ti seguo con piacere

    Passa anche da me se ti và
    The Glamour Avenue
    Giusy.

    RispondiElimina