venerdì 9 dicembre 2011

Tesi? Malattia.Disegno.Cibo.

Tralasciando la Haute Joaillerie di Dior che fa metà dell'opera: l'impaginazione di destra mi fa troppo Marc Jacobs.Piango.
Ciao amici. In questo giorni di totale reclusione ed isolamento dal mondo esterno (causa freddo e, molto probabile, qualche microbo infame) non c'è proprio la voglia di uscire di casa. Mi sembra giusto che proprio quando si hanno quattro giorni filati di ferie per smattare, vedere amici e fare spese natalizie, sia proprio la salute ad impormi di restare in casa e di pensare all'impegno incombente. La tesi. Ed è nel vedere -su facebook- che i lavori dei miei colleghi procedono a gonfie vele, che mi impongo di inventare qualcosa. Di concreto. Le idee belle sono tante, è vero, ma in nessuna riesco ad essere al centopercento. Diciamo che ho tante idee "laterali" rispetto a quello che dovrei fare realmente (QUALCHE CONSIGLIO SU COME DESCRIVERE LA SOSTENIBILTA' della MODA ATTRAVERSO LA FOTOGRAFIA?). Intanto vado avanti a disegnare (senza motivo-tanto poi ripiegherò il tutto su uno scrapbook), tossire (mi sa che sono proprio malato.merda) e mangiare (ovviamente stronzate ad ogni ora.inclusi pasti tradizionali) e nell'attesa del fatidico servizio fotografico sul mondo della couture, vi lascio con qualche mia "creazione (che ovviamente non vedrete mai cucita) tappabuchi". Perchè io sono così. Cento ne invento e cento ne faccio. Me ne basterebbe una fatta bene però. Sigh.


Bye LB

Nessun commento:

Posta un commento